ě       Home page

 

ě       Biografia di Arrigo Muscio

 

ě       La nostra opinione

 

ě       Il valore del Santo Rosario

 

ě       I salmi

 

ě       La Regina delle grazie

 

ě       Medjugorje

 

ě       I santuari

 

ě       Gruppo di preghiera

 

ě       Libri scritti da Arrigo Muscio

 

ě       Trattato di demonologia

 

ě       Libri consigliati

 

ě       Chiesa e massoneria

 

ě       Ultime iniziative

 

ě       Archivio

 

ě       Lettera dall'inferno

 

ě       Lettera di un bambino abortito alla madre

 

 

ě       La catechesi di satana durante un recente caso di esorcismo

 

ě       I navigatori ringraziano

I FIGLI DI GIUDA

 

[21]Mentre mangiavano disse: <<In veritÓ io vi dico, uno di voi mi tradirÓ>>.

[22]Ed essi, addolorati profondamente, incominciarono ciascuno a domandargli: <<Sono forse io, Signore?>>.

[23]Ed egli rispose: <<Colui che ha intinto con me la mano nel piatto, quello mi tradirÓ.

[24]Il Figlio dell'uomo se ne va, come Ŕ scritto di lui, ma guai a colui dal quale il Figlio dell'uomo viene tradito; sarebbe meglio per quell'uomo se non fosse mai nato!>>.

Mt. 26,21

 

[21]Dette queste cose, Ges¨ si commosse profondamente e dichiar˛: <<In veritÓ, in veritÓ vi dico: uno di voi mi tradirÓ>>.

Gv. 13,21

 

Le frasi del Nuovo Testamento sopra riportate spalancano gli occhi su una terribile realtÓ: il tradimento del Signore da parte dell'apostolo Giuda. Di colui che gli visse accanto, in compagnia degli altri apostoli.

In tutte le parti del mondo in cui Ŕ pervenuto il messaggio cristiano la figura di Giuda Ŕ certamente tra le pi¨ conosciute in quanto legata alla passione del Signore.

Purtroppo, mentre la vicenda dell'apostolo traditore Ŕ ben conosciuta in tutte le sue sfumature (ed eresie!), molti cristiani non meditano sufficientemente sul fatto che Giuda abbia lasciato una notevole "discendenza". Tale "discendenza" Ŕ composta da chi ha tradito nel corso dei secoli il Signore; da quanti hanno preferito servire satana sotto le sue varie sembianze, dirette ed indirette. E nel calderone trovano posto sia i cristiani che hanno tradito il loro sacerdozio comune sia i consacrati (compresi vescovi, cardinali, preti e suore).

Il demonio ha confermato, durante un recente esorcismo, che molti figli di Giuda militano nella setta della Bestia.

L'episodio del "vescovo" Giuda Ŕ assai emblematico in quanto conferma che i tradimenti possono avvenire, nel corso dei secoli, anche all'interno delle gerarchie della Chiesa (come ha dimostrato il Signore che poteva benissimo utilizzare il desiderio di tradimento di un personaggio estraneo alla cerchia degli apostoli). Del resto l'attuale papa ha rammentato, con i "Mea Culpa", che gli uomini che compongono la Chiesa sono soggetti a tentazioni ed a colpe di ogni genere.

E' comunque opportuno ricordare, a nostro conforto, che su dodici apostoli solo uno ha tradito il Signore, seguito da Pietro che lo ha rinnegato, ma che si Ŕ pentito poco dopo amaramente domandando perdono al Signore. Non va altresý dimenticato che ápapa Pietro Ŕ poi morto santo e martire.

Gli altri apostoli, pur tra paure e persecuzioni, hanno continuato l'opera di evangelizzazione che ha consentito di espandere il Regno di Dio.

PerchÚ comunque, a mio parere, Ŕ importante riflettere sulla discendenza di Giuda? E' utilissimo in quanto ci pone sull'avviso di non prendere per "oro colato" gli atteggiamenti e le parole di coloro che sono spesso ben inseriti all'interno della Chiesa. Non dobbiamo infatti dimenticare che qualunque teoria in contrasto con l'eterna Parola del Signore deve essere rigettata, non importa da chi espressa. E questo insegnamento viene dallo Spirito Santo "In realtÓ, per˛, non ce n'Ŕ un altro; solo che vi sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire il vangelo di Cristo. Orbene, se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anÓtema! L'abbiamo gia detto e ora lo ripeto: se qualcuno vi predica un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anÓtema!" (Gal. 1,7).

Solo comparando con attenzione le varie teorie che circolano nel mondo cattolico, specialmente ai giorni nostri, con l'eterna Parola di Dio riusciamo ad accorgerci di certi inganni diabolici che satana, mediante gli strumenti delle tenebre e gli angeli neri, propaga con accuratezza per ingannare i fratelli in Cristo. La Madonna, da Medjugorje, con diversi messaggi ha raccomandato la lettura quotidiana della Bibbia in famiglia. Solo la Parola di Dio, come Ges¨ ha dimostrato nelle tentazioni del deserto, costituisce un sicuro rimedio e scudo contro le teorie diaboliche.